abburrattamento della farina

LE FARINE VENGONO CLASSIFICATE PER IL LORO CONTENUTO DI CENERI CHE CORRISPONDE A QUANTA FARTE DEL CHICCO  E' STATA ELIMINATA
L'ABBURATTAMENTO  E' UN TERMINE CHE RAPPRESENTA LA PERCENTUALE DEL CHICCO UTILIZZATO PER QUELLA PARTICOLARE FARINA.
 PER ESEMPIO PER LA FARINA INTEGRALE VIENE UTILIZZATO L'INTERO CHICCO PER CIO' L'ABBURATTAMENTO SARA' DEL 100%
QUINDI SI PUO' STILARE UNA TABELLA

DENOMINAZIONE                   CONTENUTO DI CENERI                   ABBURATTAMENTO

TIPO 00                                          0,55%                                                        50%
TIPO  0                                           0,65 %                                                       72%
TIPO 1                                            0,80 %                                                       80%
TIPO2                                             0,95 %                                                       85%
INTEGRALE                                 1,72 %                                                     100%

GIA' DA QUESTO POSSIAMO CAPIRE IL COMPORTAMENTO DELLA FARINA DI GRANO TENERO NELLA PANIFICAZIONE , MA DA SOLO NON BASTA BISOGNA CAPIRE LA FORZA DELLA FARINA CHE VIENE MISURATA DA UNO STRUMENTO CHIAMATO ALVEOGRAFO DA L'INDICE DI TENACITA'
MESCOLANDO UNA FARINA FORTE CON UNA DEBOLE SI OTTIENE UNA FARINA INTERMEDIA
DATO CHE NELLE CONFEZIONI DI FARINA CHE NOI POVERI MORTALI COMPRIAMO AL SUPERMERCATO O IN NEGOZI NON E' SPECIFICATA LA FORZA DELLA FARINA  POSSIAMO RICAVARLA APPROSSIMATIVAMENTE DALLE PROTEINE CHE CONTIENE E CHE SPESSO SONO INDICATE SULLE CONFEZIONI

Commenti

Post più popolari