lunedì 2 novembre 2015

mandorla di Toritto

La mandorla di Toritto viene coltivata nell'omonimo paese a una ventina di chilometri da Bari celebre per i suoi mandorli 
Ne esistono di varie qualità la più nota e diffusa è la Filippo Cea  selezionata proprio da un abitante di Toritto 
Sotto forma di pasta reale o croccante è fra i più rappresentativi della pasticceria Pugliese  ma si apprezza anche al naturale

Basterebbero i nomi di varietà famose e non solo  nella Provincia di Bari anche per esempio "Antonio de Nito"  per dare l'idea di come la mandorla sia importante a Toritto  paese delle Murge Filippo Cea e Antonio de Vito furono mandorlicoltori  che qui nacquero e vissero
Divennero famosi per aver saputo selezionare le migliori culture autoctone
a Matine  di Toritto sopravvive la piana madre della Filippo Cea  da cui riuscirono a ricavare frutti eccellenti  con un alto contenuto di olio e acidi grassi polinsaturi bassissima acidità  e allo stesso tempo gusto intenso ed equilibrato
Non è un caso proprio  in quest'angolo  di Puglia si è sviluppato un interesse specifico per la Mandorlicoltura  il mandorlo è un albero  resistente e robusto
che necessita di poche cure  e quindi adattissimo a terreni sassosi come quello delle Murge i suoi semi  sono oleaginosi  ricchi di vitamine
le foglie costituiscono un mangime  apprezzato  soprattutto dagli ovini  assai diffusi  in quest'area  mentre i malli  e gusci sono utili per la produzione di carbonella.
E se non bastasse  la loro cenere  ricca di potassio  si rivela  un ottimo  quando ecologico fertilizzante
Logico che i contadini  pugliesi adottassero  il mandorlo e ne  sviluppassero la coltivazione.
Coltivazione che fu soppiantata dalle varietà provenienti dalla California e Spagna  più produttive  e economicamente interessanti
anche se le migliori mandorle rimangono quelle autoctone soprattutto in pasticceria

Nessun commento :

Posta un commento